Un programma di turni di lavoro risolve i problemi più complessi facilmente Skip to content

Programmare i turni: un compito sfidante

10:30 di un luminoso mattino di ottobre. La classe 4^H di un Liceo Scientifico romano. Gli studenti ascoltano distrattamente (salvo il solito “primo della classe”) la lezione di Fisica, che viene dopo la lezione di Matematica, che è venuta dopo quella di Scienze. Dopo verranno due ore di Italiano (Dante e Ariosto) e per finire un’ora di Latino. Domani la mattinata parte più leggera: due ore di Scienze Motorie, poi Religione, ma dopo qualche altra disciplina veramente indigesta. Ma chi l’ha fatto l’orario?

Due di notte nel reparto di terapia intensiva di un ospedale bolognese. Maria, infermiera specializzata, in forza al reparto da molti anni, sta affrontando la terza notte consecutiva. Una notte difficile, per di più, perché ci sono molti casi critici da monitorare frequentemente. Non toccava a lei questo turno di notte, ma Luisa si è ammalata ed è dovuta subentrare. Ma perché tocca sempre a lei?


Pianificare i turni è complesso

Sono molte le attività che richiedono la programmazione di turni. La scuola è un caso particolare, con una molteplicità di vincoli dipendenti da luoghi fisici (aule, palestre), da criteri didattici (disporre di ore consecutive per i compiti in classe, evitare l’accumulo nella stessa giornata di discipline troppo pesanti) lavorativi (garantire un orario accettabile per i docenti). Non a caso esistono software specializzati, che comunque non sono sufficienti e richiedono l’intervento manuale di chi li utilizza. Ma fabbriche a ciclo continuo, ospedali, commissariati devono avere un addetto che settimanalmente o mensilmente programma i turni di lavoro per operai, infermiere e medici, agenti di polizia, che interviene rapidamente per gestire le sostituzioni, quando qualcuno è impossibilitato a recarsi sul posto di lavoro. E ci sono naturalmente criteri e vincoli da rispettare, a partire da quelli legislativi sul lavoro notturno (D.Lgs. 66/2003, art. 7: “il lavoratore ha diritto a undici ore di riposo consecutivo ogni ventiquattro ore”) o i CCNL del settore, che definiscono il monte ore settimanale, la tipologia di turnistica, i tempi dei riposi compensativi, con un’infinità di casi particolari.

Materia molto complessa, quindi. Perciò, la gestione turni risulta davvero sfidante. Anche perché è facile ritrovarsi con colleghi o dipendenti scontenti, che premono per delle modifiche, che sospettano favoritismi, e magari vanno a lamentarsi al livello superiore, direttamente dal capo. E comunque, anche se tutto fila liscio, ci vuole un sacco di tempo per far quadrare il piano turni, rispettando i vincoli contrattuali e specifici della propria realtà lavorativa.

Il programma dei turni di lavoro

Certo, esistono oggi dei software gestione turni che possono dare una mano. Bisogna però che siano sufficientemente complessi da permettere l’applicazione dei vincoli tipici del proprio settore e regolarne i parametri o l’ambito di applicazione, come ad esempio le ore individuali di lavoro per giorno o settimana o mese, la presenza o meno dei turni notturni e le modalità di effettuazione, ecc.

Shift Assistant (per approfondire: Shift Assistant) fa proprio questo, aiutando chi si occupa del programma turni dipendenti nella creazione di un prospetto turni per la propria azienda. Uno dei suoi punti di forza è proprio la gestione dei vincoli, sia proponendo quelli più comuni, sia fornendo all’utente vincoli personalizzati.

Tutto risolto? Certo che no. Non esiste software né hardware che elimini gli scontenti, quelli che pensano di saper fare meglio, quelli che sono convinti che il turno del vicino sia sempre più verde. Ma uno strumento efficace che dia una mano può essere un buon punto di partenza.

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Order Konicy Today
& Get Upto a $500 Credit.

Richiedi DEMO

L’unico software gestionale HR che viene concesso gratuitamente per 30 giorni, per testarlo realmente con tutti i dati dei tuoi dipendenti e con tutta la formazione ed il supporto necessario… a costo zero!”

Per ulteriori informazioni, per richiedere una demo o per l’attivazione della prova gratuita, lascia qui sotto i tuoi dati, senza alcun impegno, e ti contatteremo prima possibile.