331 715 2500

Nel nostro Paese le piccole e medie imprese (fino a 250 addetti) rappresentano il 99,9% del totale  e impiegano il 78% dei lavoratori attivi (dati Istat). Le imprese con meno di 10 addetti costituiscono il 45% della forza lavoro italiana. Tutto questo significa che, se le grandi imprese hanno potuto dotarsi già da tempo di soluzioni software per la gestione del personale, un grandissimo numero di imprese italiane si affida ancora a vecchi e inefficienti strumenti (fogli excel, email, moduli cartacei per richiesta ferie e firma presenze) non integrati tra loro.

A partire dal responsabile risorse umane fino all’ultimo addetto dell’ufficio del personale, quotidianamente un numero notevole di persone dello staff HR deve passare la maggior parte del proprio tempo a trattare manualmente presenze, richieste di permesso, straordinari, note spese, ecc… La gestione di tutte queste informazioni, distribuite su documenti cartacei e fogli excel, è inefficiente e costosa e può produrre errori. Il responsabile HR  deve perdere molto tempo a controllare i dati, invece di dedicarsi alle azioni di sviluppo professionale e motivazionale del personale. Questa situazione, comune ad un gran numero di aziende italiane, finisce anche per svilire il ruolo dell’HR manager. Questo problema è emerso anche dal recente convegno sul mercato HR Tech in Italia, tenutosi a Torino il 29 gennaio di quest’anno.

Si avverte la necessità di strumenti che parlino tra loro. Ad esempio, un sistema integrato comune a responsabile di reparto e lavoratore. Un soluzione di questo tipo permette, a fronte di un inserimento tramite smartphone, tablet o pc, dei dati relativi a timbrature, ferie e permessi, spese di trasferta, ecc. di ottenere automaticamente i dati di presenza che l’HR manager potrà limitarsi a controllare prima dell’invio al consulente del lavoro.

La soluzione: una piattaforma HR in SaaS 

Fortunatamente la tecnologia consente oggi di poter offrire soluzioni di questo tipo a costi accessibili anche alle piccole e medie imprese grazie al cloud computing. Esso riduce infatti drasticamente i costi di uso e manutenzione dell’hardware e del software che vengono resi accessibili in rete.

Si realizza così la possibilità di fornire al cliente il Software as a service (SaaS), cioè messo a disposizione attraverso internet. Con il SaaS chi fruisce del servizio non si preoccupa del software né dell’infrastruttura che lo supporta. Tutte le criticità gestionali restano infatti a carico del fornitore.

La piattaforma HR realizzata da HR-Assistant fornisce esattamente questo tipo di servizio. Il sistema è stato concepito per consentire a tutti di risparmiare tempo in ogni tipologia di attività, come rilevazione presenze, ferie e permessi, trasferte, corsi di formazione, competenze professionali, rendicontazione progetti, turni di lavoro, sorveglianza sanitaria, ecc..

Tutte le informazioni sono sempre accessibili grazie al cloud da qualsiasi dispositivo fisso o mobile senza limiti di orario e di luogo. Inoltre, grazie alla elevata modularità della soluzione HR-Assistant, il cliente può crearsi una configurazione su misura per le proprie esigenze.

Un punto di forza particolarmente interessante della piattaforma HR-Assistant è la disponibilità di un insieme di app per smartphone o tablet. Tra queste vi sono ad esempio app timbratura, app gestione spese, app ferie e permessi, app documenti. Sono state sviluppate anche app per specifici contesti lavorativi come ad esempio gli studi medici.

      

Sicuri e facili da usare

Si può iniziare l’uso del sistema senza addestramento, grazie al design intuitivo e al wizard integrato nell’applicazione che guida l’utente nelle procedure. Una chat integrata permette di ricevere assistenza online da un tecnico specializzato.

La sicurezza è garantita da un insieme di misure a più livelli, dalla rispondenza al GDPR alla sicurezza applicativa, al monitoraggio costante, al backup automatico, ecc..

La possibilità di ottenere personalizzazioni e un supporto di alto livello garantiscono un prodotto che si va affermando nel mercato delle piccole e medie imprese in Italia.

Si ringrazia Bitmat per la collaborazione nella pubblicazione di questo articolo.